Biografia di Fabrizio Faina

 
professione architetto, fumettista e insegnante.


Fabrizio Faina nasce a Spinetoli (AP) il 26 giugno 1956. Vive e lavora tra Roma e il suo studio nella campagna marchigiana.

  Fabrizio con sua figlia  
Inizia la sua attività professionale come architetto, lavora per molte importanti imprese a Roma e in seguito nei lontani Emirati Arabi. Nel 1986 è arredatore d’interni al Palazzo Reale di Doha (Qatar). Dopo la parentesi araba torna a Roma e diventa quadro dirigente nel settore progettazione della Sarteur, la più importante azienda italiana per la realizzazione di arredamenti di lusso.

Ma ben presto stanco di un lavoro, anche se ben retribuito, ma non appagante dal punto di vista creativo, riprende la sua attività di architetto. Fonda uno studio di service specializzato in rendering, visual e progettazione.

 

Fabrizio Faina dal 1989 progressivamente lascia la sua attività di architetto per dedicarsi alla sua altra passione: disegnare fumetti.


Nel 1997 fonda la
Scuola di Fumetto Marche e nel 2010 la Scuola di Fumetto Abruzzo. Dal 1996 al 2012 insegna pittura a portatori di handicap in un centro diurno nella provincia di Ascoli Piceno.
Collabora stabilmente con Mauro Salvatori nella realizzazione di fumetti per il mercato franco-belga. Dal 2013 al 2017 ha realizzato con la casa editrice francese Soleil tre albi cartonati , la riduzione a fumetti su sceneggiatura di Cristophe Bec del romanzo di avventura Le monde Perdu di Sir Artur Conan Doyle. Dal 2014 al 2017 sono usciti i tre libri in edizione tedesca. Attualmente è al lavoro, sempre con Bec, Salvatori e Soleil sul volume "Aeropostale".

Nel 2008 nasce sua figlia Antea. Dal 2013 vive con Elisabetta.